Pagina iniziale

Pagina in italiano Pagina en español English Site
Follow pulsedynamics on Twitter
Fare click sulla sezione desiderata
 
Progettazione Meccanica: ingegneria per tutte le situazioni
Rumore e Acustica: Il silenzio oppure il miglior suono per ogni applicazione
Abbattimento o utilizzo intelligente delle vibrazioni
Diagnosi non invasiva: sapere tutto su una macchina senza fermarla
Monitoraggio Remoto: sorveglire apparecchiature dall'altra parte del mondo
Caldaie ad alto risparmio: fino a 90% di risparmio e 40% più ecologiche
Gruppi elettrogeni a gas: Silenziosi, puliti, senza serbatoio, funzionamento continuo
Riscaldamento e Condizionamento: controllo ambientale in qualunque situazione
Corsi tecnici: formazione veloce ed efficace
Base Dati Tecnici: soluzioni e informazioni gratuite
Base Dati Tecnici: soluzioni e informazioni gratuite
 
<< Torna

CAPITOLO I – VIBRAZIONI

Sezione I.2 - La Frequenza Naturale

Questo concetto è uno dei più importanti nello studio delle vibrazioni.

Il periodo Ŕ una grandezza fondamentale per comprendere le vibrazioni. La sua durata dipende dalla massa e rigiditÓ (caratteristiche dinamiche) di ogni sistema e permette determinare la causa e soluzione di un problema di vibrazioni.

Il periodo di oscillazione di macchinari e strutture simili Ŕ solitamente_corto [4], meno di un secondo. Nello studio delle vibrazioni non si usa esprimere il periodo, invece si contano quante oscillazioni compie il corpo in un secondo. A questa grandezza equivalente la si chiama frequenza e le sue unitÓ tipiche sono cicli/secondo, o "Hertz" [Hz].

La frequenza (rappresentata con la lettera f) Ŕ una misura alternativa al periodo, ma in pratica esprime la stessa grandezza. Conoscendo il periodo si pu˛ calcolare la frequenza e viceversa, usando queste formule:

   Osserviamo che, quando il periodo si fa pi¨ grande, la frequenza si fa pi¨ piccola e viceversa. 

Esempio: lo schema in basso Ŕ di un corpo che compie 10 oscillazioni in un secondo e che quindi possiede:

  • una frequenza di 10 [Hz]
  • un periodo di

Vale a dire, compie un'oscillazione ogni decimo di secondo.

Description: Macintosh HD:Users:nicebeard:Dropbox:libro N&V:Scan Jan 7, 2016, 6.26 PM.pdf

La frequenza alla quale vibrano liberamente i corpi, dopo che sono stati "eccitati" (per esempio la mano nel nostro esempio di prima), si chiama frequenza naturale, frequenza propria, ecc. e si rappresenta con le lettere fn.

Nel capitolo sulla risonanza vedremo cosa succede quando si obbliga un corpo a vibrare forzatamente a questa frequenza.

Da tenere a mente:

  • Corpi quali strutture civili, telai di macchine, ecc. hanno generalmente frequenze naturali elevate, da 10 [Hz] in su.
  • Corpi elastici, sospensioni e macchine montate su molle hanno frequenza naturali basse, solitamente da 1 a 10 [Hz]

Un consiglio: assicuratevi di aver capito bene il concetto di frequenza naturale, altrimenti sarÓ molto difficile capire il resto!!!

Avanti >>
   
<< Torna Avanti >>

Pulse Dynamics. Via Dante, 146 - 36016 Thiene (VI)
Tel: +39 335 7213620___pec: pulsedynamicsitaliasrls@pec.it
Vai alla pagina dei contatti


Copyright ©
Tutti i diritti riservati Pulse Dynamics 2004-2016

Pagina iniziale Chi siamo Contatti Altre lingue e paesi Condizioni legali generali Carta dei Servizi